M

sost. in it. femm. inv. Negligenza del medico nei confronti del paziente, al quale viene arrecato un danno. Può essere dovuta anche a una carenza strutturale e/o organizzativa della struttura sanitaria.
loc. sost. masch. (femm. mediatrice familiare). Figura professionale che si occupa di risolvere le controversie familiari, in particolare di coppie che intendono separarsi o divorziare, al fine di aiutarle a trovare un punto di incontro su temi come le spese comuni, il tempo da trascorrere con i figli, la cura della salute di questi, ecc.
loc. sost. masch. formata con l’acronimo di M(eccanismo) E(uropeo) di S(tabilità). Linea di credito messa a disposizione dall’UE per finanziare e sostenere l’assistenza sanitaria, la cura e la prevenzione nel periodo della pandemia da COVID-19.
loc. sost. masch. formata con l’acronimo di G(rades) of R(ecommendation), A(ssessment), D(evelopment), and E(valuation). Letteralmente Criteri di raccomandazione, valutazione, sviluppo e giudizio. Regole internazionali adottate per sviluppare le linee guida in ambito sanitario.

MMG

acronimo usato come sost. masch. di M(edico) di M(edicina) G(enerale). Medico specializzato in medicina generale che presta assistenza sanitaria sul territorio, in convenzione con il SSN.
loc. sost. masch. Formata con l’acronimo di R(aggruppamenti) d’A(ttesa) O(mogenei). Strumento che classifica le priorità per l’accesso alle prestazioni specialistiche in base ad alcune indicazioni cliniche.
loc. sost. femm. Indicatore che misura il numero di decessi che avvengono in determinate fasce di età per cause che potrebbero essere contrastate attraverso interventi di assistenza sanitaria e di prevenzione primaria.
Torna su