O

sost. femm. Metodo di cura mediante cui si somministrano al paziente dosi minimi di sostanze che in una persona sana in quantità normali provocherebbero gli stessi sintomi della malattia che si sta curando.

OMS

acronimo usato come sost. femm. di O(rganizzazione) M(ondiale) della S(anità). Organismo internazionale che ha lo scopo di promuovere la collaborazione fra gli Stati aderenti in materia di tutela della salute. In inglese è detta WHO, W(orld) H(ealth) O(rganization).
acronimo usato come sost. masch. di O(sservatorio) N(azionale) per la S(olidarietà) nelle S(tazioni) [italiane]. Progetto del Settore Politiche Sociali di Ferrovie dello Stato, realizzato da ANCI e Cooperativa Sociale Europe Consulting, che si occupa di affrontare il fenomeno dell’emarginazione sociale e della povertà nelle aree ferroviarie italiane, considerati punti di concentrazione di tali forme di disagio.
sost. femm. Disposizione emanata da un’autorità politica, che in ambito sanitario si riferisce alle misure messe in atto per contrastare la diffusione di un virus.
loc. sost. masch. Ente che si occupa di proporre iniziative e misure per assicurare la coerenza tra la programmazione delle attività assistenziali delle AUSL e l’attività didattica e scientifica delle università.

OSR

acronimo usato come sost. masch. di O(sservatorio) S(ociale) R(egionale). Struttura organizzativa della Regione Toscana che si occupa di osservazione, monitoraggio, analisi e previsione dei fenomeni sociali del sistema integrato. Ha anche il compito di realizzare studi ed analisi di questi fenomeni al fine di elaborare dati e informazioni utili alla gestione e alla valutazione dell’impatto che hanno sul territorio le politiche sociali.

OSS

acronimo usato come sost. masch. di O(peratore) S(ocio)-S(anitario) (femm. O(peratrice) S(ocio)-S(anitaria)). Figura professionale di supporto e assistenza nel settore socio-sanitario.
Torna su