Carta dei Servizi

loc. sost. femm. Documento di accordo tramite il quale l’azienda sanitaria si impegna a garantire ai cittadini il diritto all’informazione, alla tutela, all’accoglienza e alla partecipazione nell’ambito dei servizi socio-sanitari.

Leggi di più:

La “Carta dei Servizi” può essere definita come un “patto” tra il soggetto erogatore del servizio ed il cittadino. Si tratta di uno strumento che esplicita i diritti e gli impegni assunti dai soggetti che gestiscono i servizi verso la cittadinanza. Essa nasce con la Direttiva del Consiglio dei Ministri del 27 gennaio 1994 e diventa vincolante per gli enti erogatori di servizi pubblici con la legge 273/95. Deve contenere la descrizione dei servizi offerti, la loro modalità di accesso e fruizione, gli standard di qualità garantiti, le modalità di reclamo, le forme di tutela dell’utente. Per informare in tempo reale sulle prestazioni offerte e le modalità di erogazione, garantendo un modo di ricerca semplice e rapido, le informazioni spesso sfruttano i canali multimediali. L’obiettivo primario della Carta è introdurre nel processo di erogazione delle cure il punto di vista del cittadino in quanto protagonista e fruitore delle attività socio-sanitarie. I principi della carta dei servizi sono l’equità, la qualità e la partecipazione.

Per approfondire

Nessun approfondimento caricato al momento.

Vuoi saperne di più?

Torna su